Vando Aldrovandi. Il partigiano, il libraio, il democratico animatore culturale

Di lui fu scritto:

Era il coraggio e la battaglia.
Era la pace e le colombe di Picasso.
Era l’intelligenza e la tolleranza.
Era il rischio e la calma.
Era l’amicizia e il pudore dell’amicizia stessa.

Era l’uomo di una sola idea
ma cosciente che il mondo ha bisogno di tutte le idee


Nella memoria di Angela Guzzi:

“Il suo aspetto rassicurante, la sua capacità di convincimento lo favorirono nel trovare fra la gente del lecchese, della Valsassina e delle vallate circostanti, non solo simpatie e amicizie, ma appoggio concreto, quell’appoggio che fu indispensabile per organizzare i primi gruppi di cosiddetti sbandati”. “Nel silenzio della sera, quando una certa calma regnava nelle formazioni, Al raccoglieva i suoi partigiani, anche se stanchi, affamati, molte volte sfiduciati, iniziava il sermone, così lo chiamavano, ricordando che la lotta di Resistenza, anche se durissima e sanguinosa, non doveva essere chiamata guerra, ma lotta per la conquista della libertà e della giustizia, col significato di democrazia, ossia di partecipazione popolare alla vita e al progresso del paese, nel pieno rispetto delle idee politiche di ciascuno”.

Il suo ritratto: [see google doc]

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: